H O M E        SAPERE        ATTIVITA´ QRP        OVERCLOCKING        ANTENNE        USARE        QTH LOCATIONS 
 SAPERE
SAPERE >> DX con minimo solare ?

 Vale la pena organizzare grandi dxpeditions durante il minimo solare ?

 

Il minimo solare  è un periodo in cui il Sole mostra poche o nessuna macchia solare, limitando quindi l’uso delle frequenze più alte delle HF,  fenomeno naturale e regolare che si verifica, crediamo, da miliardi di anni… sicuramente da quando osserviamo l’attività solare, ormai quasi 500 anni. Alla fine di un ciclo solare, si ha un periodo di bassa o bassissima attività solare che dura circa 4-6 anni, a seconda dell’intensità dei cicli, per poi risalire verso il successivo massimo. Quindi non è niente di nuovo, molti di noi ne hanno già passati “indenni” alcuni, e questo periodo attuale non ha niente di eccezionale rispetto al passato.

 

 

Vediamo ora, attingendo alle nostre risorse, se durante lo scorso minimo solare, un periodo direi che può andare dal 2006 alla prima metà del 2010 almeno, come vedete dal grafico, ci sono stante grandi spedizioni o meno, alcune storiche come portata e rarità del dxcc attivato. Periodo peggiore tra 2008 ed inizio 2010, quasi sempre senza macchie visibili, SN=0.

Io trovo subito VP6DX, Ducie island, 2008 (zero macchie quasi costanti…) 183mila qso, ricordo personalmente di averla collegata dai 15 agli 80m, tra l’altro una delle 3 più importanti (in termini di qso) spedizioni di sempre !

N8S, Swains, 2007  quindi per noi Europei path polare, non facile come il VP6,  117mila qso, io mi ricordo di averli sentiti e collegati in 20 e 17m.

3B7C 2007, 137mila qso, qui 10-80m. K5D, 2009, 115mila qso, qui 15-80m. ZL8X Kermadec, 2010, 148mila qso, qui 12m(!) – 40m. VK9DWX, Willis, 2008, 95mila qso, qui 10m(!) – 80m.

 

Quindi  è evidente senza grandi dubbi, che anche durante il minimo solare, si possono fare spedizioni in most wanted, generando un elevatissimo numero di qso, ed accontentando tantissima gente ovunque nel mondo, non solo le zone più vicine e facili alla spedizione.

Certo, 10 e 12m, spesso, restano al palo (non sempre come vedete dai pochi esempio di sopra…), ma non è una tragedia, abbiamo ben altre 6-7 bande dove i qso sono possibili, considerando che l’attrezzatura media di ogni dxer è migliorata negli anni, ed anche ovviamente quella usata nelle grandi spedizioni, non ci scordiamo che 30 anni fa, spesso, una tribanda sola ed una verticale era il setup della maggioranza delle spedizioni dx…
Aggiungiamoci anche i nuovi mezzi, log online spesso in tempo reale o cmq molto aggiornato, previsioni di propagazione in tempo reale, reverse beacon ed altro che permettono sicuramente di sfruttare al meglio ogni piccola e marginale apertura di propagazione, evitando alle spedizioni di chiamare a vuoto ed a noi di ascoltare solo rumore..

 

Considerando la propagazione, sappiamo che le tratte polari, cioè i percorsi che tra stazione dx e om che la vogliono collegare, passano sopra, attraverso il polo nord o sud magnetico, sono le peggiori, quelle sia più influenzate da “capricci” del sole (flare, vento solare da buchi coronali etc.), sia le prime a subire una diminuzione della MUF (massima frequenza usabile per un qso tra A e B) al calare del flusso solare e delle macchie.

Ci sono, paesi, entità rare o most wanted, in cui organizzare spedizioni durante il minimo solare, che NON passino via path polare per tutto il Mondo ?

La risposta è ovviamente no, qualsiasi zona sulla terra, ne ha un’altra per la quale la tratta più diretta viene a passare sui poli, ma bisogna rivedere la definizione di “mondo”, intanto le terre emerse non sono distribuite regolarmente sulla superficie, ed gli OM sulle terre emerse ancora meno ! 😉

Se consideriamo le zone con più alta densità di OM e dxer,  possiamo evidenziare 4-5 zone, che apportano il maggior numero di qso alle spedizioni, Nord America, costa est ed ovest, Europa e Russia europea, JA-estremo oriente.
Senza NULLA voler togliere ad altre zone, dove sono cmq presenti numerosi dxer, ma parlando di freddi numeri, questo sono.

 

Ristringendo il campo a queste zone, ed ovviamente considerando che la distribuzione delle terre emerse, delle isole, e nello specifico, dei nostri most wanted, non è per nulla regolare, si, ci sono paesi dai quali si può evitare (o limitare al massimo….) il passaggio da path polariverso le zone interessante.

 

Quali potrebbero essere ?
Beh, ad “occhio” guardando una mappa azimutale,  la parte del Pacifico occidentale, quella più vicina alle coste dell’Australia, quindi i vari VK9, tutti, FK/C, C2, T33.. cito solo i prefissi più rari delle zona, sono per noi Europei relativamente semplici in quanto sfiorano appena la zona polare (va considerato il polo nord magnetico, che si trova sopra il Canada, non quello geografico…), e sono evidentemente semplici per JA e NA costa occidentale.

Ancora, CE0Z-X, 3Y0P, VP6 rispetto alle zone di cui abbiamo parlato sopra, non transitano via polare o per alcune zone solo marginalmente, inoltre sono zone che offrono aperture anche via lunga evitando magari in quel modo i poli.

PY0T-S, non sono path polare per nessuna delle zone maggiori e relativamente facili per NA e EU.

ZD9 ZS8 3Y0B FT5W/X, tutta quella fascia a sud dell’Atlantico ed Indiano, non è path polare per nessuno, un po’ peggio per la west cost americana, ma nulla di pazzesco, quindi da considerare pienamente.
Ovviamente gran parte dell’Africa, anche se qui ormai scarseggiano i most wanted, ma insomma i vari E3, 3C0, 9Q, TN sono sempre piuttosto appetibili soprattutto per NA e JA.

Anche i Caraibi, con KP1-KP5, HK0 potrebbero essere relativamente semplici per EU e NA ovviamente,  molto meno per i JA, ma potrebbero essere un compromesso accettabile.

 

 

Da evitare se possibile, i vari KH, 1-3-4-7 in particolare, che per gli Europei sono path polari pieni e possono davvero rendersi “incollegabili” soprattutto in periodi dell’anno non idonei… (prossimo KH1 in estate per esempio !), oppure le zone asiatiche, A5, XY, VU7-9M0 anche se ormai non sono molto most wanted, difficili per i NA.

 

Quindi, come vedete, anche volendo evitare i percorsi polari per le zone del mondo più radiantisticamente popolate ed attive, si riescono ad individuare tanti most wanted, tanti dxcc che anche durante il minimo solare potrebbero essere attivati garantendo ottimi risultati, tanti qso con dxer di tutto il Mondo.

Quindi, lasciamo stare le scuse ed il “non c’è propagazione”, la propagazione c’è sempre.

 

TNX to IZ5CML


     Home | News | Photogallery
 Dr.Arch. Andrea Cavattoni - Privacy - Note legali
Powered by Logos Engineering - Lexun ® - 20/11/2017