H O M E        ASCOLTARE        OPERARE        OVERCLOCKING        ANTENNE        USARE        REPEATER 
 USARE
USARE >> CONDIZIONI SOLARI

IL CICLO SOLARE , COME INTERPRETARE LE IMMAGINI QUI SOTTO:

Ciò che accade sul nostro sole influenza la propagazione radio in tutto il mondo.


Gli indici solari sono una misura dell’attività sul sole. Questi indici possono essere utilizzati dai radioamatori per avere un'idea di come i segnali radio si propagheranno a livello globale e quando aspettarsi un blackout radio.

Ma cosa significa?

Cosa è buono per la radio e cosa no?

Il ciclo solare è un cambiamento periodico di circa 11 anni nell’attività delle macchie solari, misurato dalla variazione del numero di macchie solari osservate.Il nostro Sole è un'enorme palla di gas caldo caricato elettricamente. Questo gas carico si muove, generando un potente campo magnetico.

Il campo magnetico del Sole attraversa un ciclo, chiamato ciclo solare. Ogni 11 anni circa, il campo magnetico del Sole si ribalta completamente. Ciò significa che i poli nord e sud del Sole si scambiano di posto.

Il ciclo solare influenza l’attività sulla superficie del Sole, come le macchie solari causate dai campi magnetici del Sole. Man mano che i campi magnetici cambiano, cambia anche la quantità di attività sulla superficie del Sole. Anche le eruzioni giganti sul Sole, come i brillamenti solari e le espulsioni di massa coronale, aumentano durante il ciclo solare.

Questa attività può avere effetti sulla Terra. Ad esempio, le eruzioni possono causare luci nel cielo, chiamate aurore, o influenzare le comunicazioni radio. Eruzioni estreme possono persino influenzare le reti elettriche della Terra.

 

Alla fine, dal punto di vista dei nostri DX,  conta il valore del flusso solare (solar flux index) cioè il "rumore del sole "ascoltato a 2800Mhz.

Deve rimanere al di sopra del valore " 200" per almento qualche giorno per sperare in una buona propagazione..

La conta delle macchie solari sono un buon indizio per stimare anche un innalzamento del flusso solare. I due fenomeni sono correlati. 

 

 

Il flusso solare (SFI) è una misura semplice e immediatamente disponibile, a differenza del numero SunSpot (SSN) che richiede un'elaborazione. Il flusso solare viene misurato a diverse frequenze, il valore a 2800 MHz è considerato la misura migliore. Esiste una correlazione tra il SSN e il flusso, ma i punti ampiamente sparsi mostrano che si tratta di una relazione approssimativa e non della semplice curva mostrata, che spesso viene assunta nelle previsioni MUF.

Lo SFI è uno dei record più longevi dell’attività solare. Le emissioni radio a 2800 MHz hanno origine nella parte alta della cromosfera e nella parte bassa della corona dell'atmosfera solare. È ben correlato con il numero di macchie solari e con un numero di registrazioni di raggi ultravioletti (UV) e di irradianza solare visibile. È stato misurato costantemente in Canada dal 1947. A differenza di molti indici solari, il flusso radio F10.7 può essere facilmente misurato in modo affidabile su base giornaliera dalla superficie terrestre, con tutti i tipi di tempo. È riportato in “unità di flusso solare” (SFU) e può variare da meno di 50 a oltre 300 nel corso di un ciclo solare.

 

 

 

IL FENOMENO E- SPORADICO

Sporadico-E, o semplicemente "Es", è principalmente un fenomeno estivo, con picchi tra maggio e settembre nell'emisfero settentrionale e ottobre e marzo nell'emisfero meridionale.

Le cause di Es non sono ben comprese e ci sono molte teorie, anche se è noto che alti livelli di ionizzazione nello strato E (80-120 km di altitudine) causano la rifrazione delle onde radio su lunghe distanze. Un singolo salto può essere compreso tra 400 e 2400 km. Sono possibili salti multipli e, in combinazione con la propagazione F2, è noto che si verifica una comunicazione globale sulla banda dei 50 MHz. Le "nuvole" di Es sono di natura sporadica e possono verificarsi ovunque e in qualsiasi momento, sebbene siano più comuni nell'estate locale con un picco nella tarda mattinata e un picco nel tardo pomeriggio. Gli eventi estremi possono durare diversi giorni e abbracciare il globo, oppure essere localizzati nei continenti. Piccole nuvole di Es isolate possono aggiungere alla magia, fornendo contatti a sorpresa tra luoghi specifici.

 

 Propagazione HF e attività solare

Questo è un argomento troppo vasto per essere qui approfondito, ma in poche parole le frequenze radio comprese tra 0 e circa 30 MHz possono essere riflesse dai vari strati della ionosfera in misura maggiore o minore a frequenze diverse. In buone condizioni la propagazione può consentire ai segnali di viaggiare a metà (anche per tutto il percorso o più volte) intorno al mondo, ma le bande di frequenza per la migliore propagazione cambiano ogni ora e per stagione e dipendono dalla quantità di luce solare incidente e livello attuale di attività solare. Durante una tempesta solare (quando il sole espelle particelle cariche, rumore radio e raggi X) questi strati possono essere ionizzati in misura molto maggiore di quanto non avvenga normalmente. I segnali possono quindi essere bloccati dal fuggire abbastanza lontano dalla superficie terrestre e non arrivare agli strati più alti per la propagazione in avanti intorno al globo. Questo è chiamato "blackout radio" che colpisce principalmente le bande HF. Le bande HF e le frequenze più alte fino a VHF, UHF e SHF possono anche essere influenzate da alti livelli di rumore a banda larga che possono durare secondi, minuti o ore e possono arrivare a onde rotanti o come raffiche singole.

QUESTA PAGINA E' IN AGGIORNAMENTO OGNI 5 MINUTI SE NON DIVERSAMENTE SPECIFICATO

CONTEGGIO MACCHIE SOLARI 2018 - 2035

 

 

 

 L'attività alla superficie del Sole è evidenziata dalla densità di macchie solari, che appaiono come aree scure sulla fotosfera,fluttuando in frequenza entro un ciclo d'attività approssimativamente pari ad 11 anni. Sono regioni scure perché più "fredde" rispetto al fondo: la loro temperatura è dell'ordine di 4000°K, mentre quella della superficie circostante è di 6000°K. Nelle macchie solari si localizzano intensi campi magnetici e, sulla parte immediatamente superiore dell'atmosfera, si verificano spesso intensi brillamenti (flares) che producono potenti burst diradio energia a frequenze comprese fra circa 5 MHz e 300 MHz. Spesso, durante i brillamenti più intensi, è emesso un intenso flusso di particellecariche (raggi cosmici) ad alta energia viaggianti alla velocità di 500-1000 Km/s: quando tali particelle raggiungono il campo magnetico terrestresono causa d'intensi disturbi radio e tempeste magnetiche, con formazioni di aurore. La mappa delle radioemissioni solari dovute ai brillamentiappare molto più ampia di quella occupata dalle macchie solari. A differenza della radiazione proveniente dalla maggioranza delle radiosorgenticelesti, che risulta non polarizzata, quella associata ai brillamenti solari è a polarizzazione circolare, essendo causata dalle traiettorie aspirale degli elettroni che seguono il locale, intenso, campo magnetico associato al brillamento. In ogni caso i brillamenti solari danno luogo ad ungetto di radiazione elettromagnetica, che va' dal campo delle HF ai raggi X e gamma oltre che espulsione di materia dalla corona solare, tutto questoè emesso nello spazio interplanetario e quindi anche in direzione della terra, il cui campo magnetico cattura il plasma che si allinea seguendo le linee di forza del campo magnetico terrestre, concentrandosi sui poli, in prossimita' dell'ovale aurorale. L'esplosione di energia che avvienedurante un brillamento e' enorme, paragonabile ad un'esplosione atomica di 10 Miliardi di megatoni. Le comunicazioni radio possono essereimmediatamente influenzate dopo il flare, oppure gli effetti possono farsi sentire da uno a due giorni dopo l'inizio del flare. Per convenzione iflares solari sono suddivisi in 3 classi, C,M e X che dipendono dall'ammontare del flusso di energia sviluppato.

Flare classe C e' il meno potente e non influenza immediatamente la ionosfera, sebbene le particelle emesse possono influenzare la ionosfera diverse ore dopo.
Flare classe M e' un flare di media energia ed e' sufficiente a influenzare la ionosfera terrestre immediatamente dopo l'evento,ma anche a produrre effetti ritardati di radiazione solare.
Flare classe X sono i piu' potenti e distruttivi e possono provocare forti tempeste geomagnetiche e lunghi black-out sulle comunicazioni. Le radiazioni elettromagnetiche di un flare attivo, i raggi ultravioletti, i raggi X, la luce visibile e lo spettro radio, viaggiano alla velocita' della luce e raggiungono la terra con un ritardo di circa 8 minuti, cosi che gli effetti sulla ionosfera possono iniziare nel medesimo tempo in cui il flare e' osservato visivamente



 macchie solari (aggiornato ogni settimana)

 

 

previsioni dell'andamento delle macchie solari



 

macchie solari a diverse frequenze

 

le protuberanze solari


 

 

PREDIZIONE VENTO SOLARE:

 

1 GIORNO - 7 GIORNI

 

 

 

 

 


     Home | News | Photogallery
  - Privacy - Note legali
Powered by Logos Engineering - Lexun ® - 23/06/2024